Davvero il tempo aiuta?

La persistenza della memoria - Salvator Dalì

Quante volte, in svariate occasioni, ci sentiamo dire o ci appropriamo usandola, l’espressione ‘il tempo aiuta’?

Ma il tempo aiuta davvero?

Nel tempo, quando il loro valore anacronistico svanisce appunto, si svelano segreti, si aprono le danze ad interpretazioni spesso sempre più lontane perché nel tempo viaggiano. Nel tempo sì addolciscono i ricordi tradendo però così la loro forza ed il loro colore originale.

Col tempo ci si distacca da sensazioni a volte tremendamente dolorose ma anche dai contorni del volto di quel momento, dall’odore unico che conserviamo di quella persona, da quel l’espressione che conosciamo a memoria, anche un po’ da noi stessi.

Il tempo non aiuta, il tempo inganna ed allontana.

Hamaika

Annunci

11 pensieri su “Davvero il tempo aiuta?

  1. Forse è proprio quello che aiuta: spesso ci inganniamo per sopportare meglio un senso di colpa, un grande dolore, un ricordo fastidioso o un presentimento inquietante. Del resto, a volte non si può analizzare un fatto senza distacco, anche se ciò espone ai rischi che osservi. Diciamo che è proprio il grande problema che Svevo si diverte a usare ne “La coscienza di Zeno” e in molti racconti scritti dopo, quello della deformazione cui il tempo sottopone i ricordi – nel caso di Zeno, assolutamente voluta e sfruttata per ingannare uno psicanalista. È davvero un bel groviglio, molto interessante per rifletterci. Grazie dello spunto.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...